SOGLIANO CAVOUR, la Chiesa di San Lorenzo Martire tra storia e restauro

SanLorenzo10Venerdì 18 dicembre alle ore 19, presso la Chiesa Madre, il parroco don Salvatore Gemma presenta il volume “Chiesa di San Lorenzo a Sogliano Cavour. Restauro, Storia e Immagini” alla comunità soglianese.

copertina-2-271x400All’illustrazione dell’opera partecipano il Sindaco dr. Paolo Solito, il dr. Antonio Gabellone, presidente della provincia di Lecce, Mons. Donato Negro Vescovo della Diocesi di Otranto,  il dr. Giovanni Giangreco, della Soprintendenza per i beni architettonici ed artistici di Lecce, e la d.ssa Carmen Mancarella, giornalista. L’importante restauro della Chiesa Matrice di San Lorenzo Martire ha consentito la riscoperta della ricchezza artistica, storica e spirituale custodita nella Sacra Struttura.

I testi e le immagini dell’opera, realizzati con il contributo di diversi autori, riguardano: la fede cristiana del popolo soglianese nei secoli grazie all’ausilio delle visite Pastorali succedutesi dal 1500 sino ai nostri giorni; la ricostruzione storica delle vicende che hanno portato l’architettura della chiesa alla sua forma attuale, accompagnata alle immagini che ne descrivono il passato; i lavori di restauro realizzati, con la  descrizione della tipologia degli interventi effettuati, e l’indagine georadar hanno portato in luce aspetti finora sconosciuti, quale ad esempio la presenza di sei vuoti sotto il pavimento della Chiesa, che confermerebbero la presenza delle antiche fosse di tumulazione della popolazione locale.

L’opera è corredata da un viaggio fotografico nei tesori di Arte Sacra preziosamente custoditi, e uno sguardo è rivolto anche ai fedeli che l’hanno sostenuta e ne hanno curato il valore. Degni di menzione sono anche il lavoro e l’impegno di giovani artisti che hanno restituito bellezza alle antiche opere.

Il coordinamento editoriale è stato realizzato dall’Accademia di Belle Arti di Lecce-Corso di Grafica Editoria d’Arte diretta dal prof. Nunzio Fiore, il progetto e impaginazione digitale è di Ferruccio Venuti, il volume è stato stampato presso Editrice Salentina di Galatina.

Annunci

DIRECTOR, WRITER AND STAR: three faces of the same talent, MICHAEL ROSENBAUM

BITD

When Jim Owens (Rosenbaum) makes a surprise visit to his high school reunion… all hell breaks loose. Hilarity ensues as he wrangles his now-married friends together for one last hurrah. Cruising the old strip, seeking vengeance on an old high school principal and nearly breaking up a wedding gets Jim into hot water with his friends and their wives.

This is the plot of this romantic comedy avalaible on iTunesMovies, Xbox, Amazon.com and many other sites on January 7 and into theaters on January 17.

Download NOW and support this indipendent movie and this smart and talented actor, Michael Rosenbaum.

https://itunes.apple.com/us/movie/back-in-the-day/id767724340?ign-mpt=uo%3D4

You will laugh a lot!!! Enjoy!!!

One of the fan,Carla V.

—-

Michael Rosenbaum, star di Smallville nel ruolo di Lex Luthor, debutta come regista con il suo nuovo film Back in The Day, disponibile già dal 7 gennaio su iTunesMovies ed altre piattaforme, per poi arrivare nelle sale americane il 17 gennaio 2014.

Una commedia esilarante con un cast eccezionale, tra i tanti: lo stesso Michael Rosenbaum, Harland Williams, Nick Swardson, Emma Caulfield, Kristoffer Polaha, Morena Baccarin.

Michael Rosenbaum ha dimostrato nelle sue tante partecipazioni cinematografiche di essere un attore molto intelligente e versatile, ma ha anche avuto modo di esprimere il suo talento come regista e sceneggiatore in questo film.

Nell’attesa di vederlo nelle sale italiane, Back in The Day è disponibile in lingua originale su iTunesMovies, Xbox, Amazon.com ed altre piattaforme ad un costo irrisorio, inferiore ai 5$, proprio seguendo il link qui sotto:

https://itunes.apple.com/us/movie/back-in-the-day/id767724340?ign-mpt=uo%3D4

Buona visione!!!Carla V.

Pablo Picasso: le sue riflessioni personali

“Il pubblico ha finito di cercare nell’arte consolazione e miglioramenti spirituali, ma gli straraffinati, i ricchi, gli oziosi, che da ogni sapienza sogliono trarre l’estrema conclusione, in essa cercano il nuovo, l’inusuale, lo sbalorditivo.
Io stesso, dal cubismo in poi, ed oltre, ho accontentato codesti amatori e critici con le varie bizzarrie che mi attraversavano il cervello. E meno mi capivano e più mi ammiravano. Divertendomi, con questo giochetto, con questi scherzi, con questi rompicapi, ghirigori e indovinelli sono diventato celebre, e molto presto.
Celebrità significa, per un pittore, vendite, guadagni, patrimonio, ricchezza.
Oggi io sono celebre e ricco. Ma quando sono solo con me stesso, non ho il coraggio di ritenermi un artista nel grande e dignitoso senso della parola. Grandi artisti furono Giotto, Tiziano, Rembrandt, Goya….
Io sono soltanto un pagliaccio pubblico, che comprende il suo tempo e che ha sfruttato con ogni possibilità l’idiozia, l’avidità e la vanità dei propri contemporanei.
Certo la mia confessione è amara e più dolorosa di quanto sembri, ma ha il merito di essere sincera.”

Pablo Picasso (dal Giornale di Sicilia, n. 165 del 12/07/1952, Quadri e statue alla XXVI Biennale di Gino Cucchetti)