Cos’è successo a Glenn? 6×03 The Walking Dead – Recap Episodi Precedenti

Ho dovuto aspettare un po’ di giorni per riuscire a scrivere qualcosa di sensato, per riuscire a metabolizzare ciò che avevo visto e scrivere almeno una frase che avesse un filo logico. Un qualcosa che non fosse solo un urlo disperato, tipo: Nooo Gleeeen! Perché, sì, è stato alquanto traumatico e, soprattutto, complimentoni a Steven Yeun, bravissimo attore, in grado di trasmetterci e farci provare in prima persona tutto il panico e il terrore di quel momento.

The Walking Dead è una storia che si sviluppa lentamente, e con ciò non voglio dire che sia noiosa. Ci sono dei momenti di azione piena, tanto piena che ti sembra di essere a capo di una flotta aerea sulla base della Cavalcata delle Valchirie; The Walking Dead è uno show di approfondimento psicologico, quindi capita che i creatori si soffermino diversi episodi su uno stesso evento, come sta accadendo ora.

La 6×01 ci viene raccontata attraverso dei salti temporali: passato in bianco e nero, presente a colori. Assistiamo ad un rischioso tentativo da parte del gruppo di far spostare una numerosissima mandria di zombie, momentaneamente bloccati in una cava vicino ai confini di Alexandria, per condurli a parecchi km di distanza da loro, con le dovute attenzioni: chi a capofila, chi a serrafila; e con ancora l’incertezza nelle mani dei neofiti di Alexandria ce la stanno facendo. Dopo alcuni scambi tra Rick e Morgan ed altri personaggi vediamo concludersi l’episodio con Morgan che si allontana poiché un frastuono proviene da casa: una sirena continua che sta facendo deviare la mandria verso la direzione sbagliata. Il piano è saltato, bisogna in qualche modo correre ai ripari.

Nella 6×02 capiamo che quella sirena è in realtà il clacson di un camion, fatto schiantare intenzionalmente contro le recinzioni della città. Morgan ferma il frastuono, ma non quello che sta succedendo dentro le mura. Non zombie, ma umani che di umano hanno ben poco, che iniziano a saccheggiare, picchiare ed uccidere chiunque abbiano davanti: sono i Wolves. Nonostante la devastazione generali, il gruppo riesce a controbattere l’offensiva, vediamo Carol ridiventare invisibile mimetizzandosi nel contesto e ritrasformandosi in Terminator, assassina a sangue freddo che difende la sua casa e la sua famiglia. Ci rendiamo conto, o i creatori vogliono farci capire, che il gruppo originale, quello partito da Atlanta, è in grado di badare a se stesso anche senza la presenza dei loro leader.

Nella 6×03 assistiamo a cosa succede al gruppo impegnato nella missione. Quindi si tratta dello stesso evento analizzato e mostrato da più punti di vista. Vediamo che il gruppo decide di dividersi per cercare in qualche modo di portare a compimento la loro missione. Ci sarebbero diverse cose da dire, ma nonostante ciò, l’unica cosa che mi viene in mente, scrivendo della 6×03, è Glenn. Glenn, Michonne ed altri di Alexandria si muovono in gruppo per raggiungere casa, due restano feriti, e per riposarsi e medicare le ferite raggiungono un centro abitato e si mettono al riparo in un negozio di animali. Glenn si separa dal gruppo assieme a Nicholas per incendiare un edificio, in modo tale da distrarre gli zombie. I due raggiungono l’edificio interessato, ma è già andato a fuoco: cosa fare ora che sono allo scoperto? Nicholas è incerto nelle mosse, non è abituato a ragionare con calma e sangue freddo. La sua incertezza costerà loro cara? I due vedono gli zombie e correndo per cercare rifugio finiscono in un vicolo cieco. I vaganti, con la loro carne putrefatta penzolante, si avvicinano sempre di più e bramano le loro viscere. I due caricano i colpi nelle loro pistole e sparano, ma le munizioni non sono sufficienti a colpire tutte le loro teste. Finiti. Saltano su un cassonetto della spazzatura, lì non possono essere raggiunti. Nicholas è colto da un momento di assenza, tutto attorno a lui è ovattato, non riesce a sentire nulla. In quel momento Nicholas estrae la pistola e ringrazia Glenn per ciò che ha fatto per lui. Pistola alla tempia: bang! Il ragazzo, ricoperto in viso dal sangue dell’altro, cerca di sorreggerlo, una reazione istintiva, perde l’equilibrio e cade sull’asfalto, ai piedi di quella mandria di zombie, che si piegano sui loro corpi. Vediamo un primo piano di Glenn e i vaganti impegnati a staccargli gli organi interni divorandoli avidamente. La camera si allontana e vediamo concludersi l’episodio in una scena non proprio rosea per il nostro amato compagno.

Ma cosa succede veramente a Glenn? Non c’è stato fornito alcun dettaglio in merito. Infinite sono le speranze di un Glenn ancora vivo. Uno dei personaggi che maggiormente è evoluto nelle stagioni, diventando sempre più uno dei più coraggiosi. Quali sono le possibilità che girano sul web?

  1. Glenn è morto per davvero e quello è stato l’addio al suo personaggio;

  2. Glenn nella caduta è sotto Nicholas. Le carni dilaniate non provengono dunque dal corpo del nostro amato personaggio. Glenn grida per il panico e il terrore. Riuscirà a salvarsi infilandosi sotto il cassonetto o grazie all’intervento di qualcuno;

  3. Tutto ciò che vediamo è frutto della mente di Nicholas, il quale stava avendo delle allucinazioni. Magari in realtà è svenuto e nelle puntate successive lo vedremo vivo, dopo essere stato messo in salvo da Glenn.

Io tra le tre propendo per la seconda. Infatti vediamo che i due cadono dal cassonetto così, quindi Nicholas è sopra Glenn.

glenn3

Nonostante da quest’altra inquadratura non vediamo nessuno sul petto di Glenn (probabilmente fatto intenzionalmente dai creatori per lasciare il dubbio nei fan)

glenn

Siamo abbastanza certi da quest’altra inquadratura, che il corpo che gli zombie stanno divorando è più in alto del vero petto di Glenn.

glenn2

Lo scopriremo nei prossimi episodi di The Walking Dead. Buona visione.

Annunci

3 pensieri su “Cos’è successo a Glenn? 6×03 The Walking Dead – Recap Episodi Precedenti

      • Il quarto episodio secondo me è il migliore di tutti, e ha uno dei finali più belli che abbia mai visto: arriva almeno fino a lì, ne vale veramente la pena.
        Se ti va, poi fammi sapere come hai trovato la serie. Se invece non dovessi più sentirti, per me avertela fatta scoprire è già una grande soddisfazione. Grazie a te per la risposta! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...